31/08/09

Aspetti un treno e....

Venerdì 28/08 alle 06:00 del mattino aspetto il treno che arriva da Lecce (è arrivato con 2 ore di ritardo)con a bordo mia moglie e le mie figlie.
Sei lì che aspetti, assonnato, un tizio si avvicina, puzzava d'alcool a un Km di distanza, e comincia ad insultarti, e tra un'insulto e l'altro mi chiede perchè lo seguo, ho cercato di spiegargli, con calma, che io ero lì ad aspettare un treno e non seguivo lui, sembrava che avesse capito. Invece arriva con altri tre suoi connazionali (gia i tizi erano rumeni guarda caso.....), ubriachi come lui e cominciano pure loro con la solfa di prima. Sinceramente cominciavo a spaventarmi, erano in 4 ubraiachi e cominciavano a spintonare. Fortuna ha voluto che un poliziotto si trovava a passare di là (si perchè a mestre sulla stazione c'è un posto polizia, ma loro restano nel loro loculo e forse intorno alle 8:30 cominciano a farsi vedere)allora ho attirato la sua attenzione e, dopo aver chiamato i suoi colleghi, hanno allontanato i 4 ubriaconi.
Ormai viviamo in un'Italia dove devi aver paura ad uscire di casa. Sono sempre più favorevole a mettere le frontiere come stavano prima almeno entra meno feccia.
Ma a tutto questo il governo è indifferente, anzi manda le frecce tricolori a festeggiare un dittatore e gli facciamo pure le strade.
Posso dire una cosa? " Ma VAFFANC........"

Nessun commento:

Posta un commento