28/11/11

I grillini: «Entriamo nelle istituzioni come un virus»

Beppe Grillo quinta

Partecipano alle elezioni, ottengono ottimi risultati, siedono nei consigli comunali e regionali e, quando si voterà, entreranno probabilmente in Parlamento. Ma nel Palazzo dicono di starci da guastatori, per far crollare l’attuale sistema della politica o, quanto meno, per mettere qualche bastone in ingranaggi finora oliati. Non si fanno chiamare «candidato» o «politico» perché ormai «è una brutta parola». Preferiscono «portavoce». Ma ritengono fondamentale il loro ingresso «virale» nelle istituzioni «per accelerare la decomposizione dell’organismo»

Leggi il resto: http://www.linkiesta.it/node#ixzz1ez4TWN2z

Nessun commento:

Posta un commento